Pinocchio bambino cresciuto burattino

Liberamente ispirato a “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi.

“Pinocchio Bambino Cresciuto Burattino” è uno spettacolo di denuncia. Pinocchio nato bambino incontra da subito i personaggi della sua storia, della sua vita con i quali si instaura una relazione asimmetrica: tutti vogliono dare il proprio contributo alla crescita di Pinocchio e nessuno è completamente disposto ad ascoltare le sue esigenze.
Geppetto, Mangiafuoco, il Gatto e la Volpe, la Fatina cercheranno progressivamente di mettergli addosso un progetto di educazione ma alla fine Pinocchio si renderà conto di quanto sta accadendo a lui e agli altri bambini come lui e si ribellerà, veramente, chiedendo di essere ascoltato e di essere considerato.

Main Info:
  • Scritto e diretto da Andrea Santantonio
  • con Nadia Casamassima e Andrea Santantonio
  • realizzazione scenografia: La luna al guinzaglio
  • animazione video: Luisa e Francesco Lapacciana
  • videoscenografia digitale: Giuseppe Marco Albano
  • genere: teatro ragazzi
  • Per un pubblico dagli 8 ai 14 anni
  • durata: 60 minuti
Scheda Tecnica

Lo spettacolo nasce dalla riflessione sull' educazione dei bambini e ragazzi. La scelta di partire dal romanzo di Pinocchio è dovuta al fatto che questo, oltre a raccontare di un bambino burattino con una particolare avversione all'educazione e alle regole sociali in generale, è l'emblema di come le voci fuori dal coro vengono trattate nel nostro sistema educativo.
Lo spettacolo analizza il testo di Pinocchio, le sue avventure, i personaggi che incontra, le scelte che di volta in volta compie, le tentazioni che lo accompagnano, le conseguenze delle sue azioni; per confrontarle con quelle dei ragazzi, e per proporre un' attualizzazione.
La nostra è storia di resistenza. La storia di Pinocchio di Collodi resta sullo sfondo, quello che viene raccontato è il carattere di un bambino che sa quello che è necessario imparare, che cerca di affermare con forza che un'altra modalità educativa è possibile.
“L'educazione serve a tutti per avere il proprio spazio di sole e di dignità, a questo serve.”

- Andrea