Vai al contenuto

Eneide. A sound film

adattamento testi e attore – Titta Ceccano
sound designer – Francesco Altilio
regia – Julia Borretti

“Eneide. A sound film” è la nuova produzione di Matutateatro, uno spettacolo di teatro e musica
elettronica, ispirato all’Eneide virgiliana, in particolare al Libro XI.
Nasce come un lavoro sulle immagini senza immagini: il testo antico è evocato soltanto dalla musica
elettronica realizzata dal vivo e dalla parola detta in scena che espande la potenza del testo virgiliano
nella contemporaneità.
Uno spettacolo in cui il suono e il testo procedono all’unisono. Il suono espande il testo creandogli un
contesto e uno spazio. L’idea da cui prende le mosse il lavoro è che l’epica sia il cinema prima del cinema.
Si potrebbe rileggere tutta l’epica classica immaginando il racconto per inquadrature: tutti i grandi poemi
classici sono pieni di campi e controcampi, campi lunghi, visioni dall’alto che con un dolly scendono nel bel
mezzo della battaglia, dettagli e primi piani degli eroi, suoni diegetici e ritmi della narrazione. È evidente che
il cinema ha preso da qui.
Oggi, nell’era contemporanea dove gli sguardi sono ingolfati dai video, il nostro progetto vuole tornare a
leggere l’Eneide come un racconto per immagini senza utilizzarne. Tornare alla forma originale di queste
antiche narrazioni totalmente costruite per immagini, in un’era in cui le immagini in movimento non c’erano.
“Eneide. A sound film” tira fuori la plasticità di un testo antico con il solo ausilio della parola detta e
del suono: segue i cambi di campo, di piano, il fluire del racconto soltanto grazie all’uso della voce e
della musica elettronica, che ridisegna gli spazi e ridefinisce i ritmi, ampliando tutta la potenza di un
racconto antico.
Poi il racconto parla da sé: da qualche parte nel Lazio – l’Eneide forse proprio perché concettualmente viene
prima di Roma e ne crea i presupposti, rimane ad oggi l’unico poema del Lazio, l’unico testo che tiene
insieme la varietà dei popoli e dei territori che lo compongono – va in scena il mito della fondazione di un
popolo e di un destino che ancora ci riguarda. L’Eneide non è solo il poema nazionalista del mondo romano,
ma è riconoscibile come poema fondante di tutta l’Europa, come modello sociale che l’Europa vorrebbe e
dovrebbe seguire. Non a caso caso Eliot parlava di Virgilio come il classico di tutta l’Europa. E nel mito
virgiliano, profondamente umano, c’è spazio per tutti, vincitori e vinti.

Data

07 Dic 2022

Ora

20:00 - 21:00

Etichette

IL TEATRO CHE CRESCE

Luogo

Matera
IAC - Via Casalnuovo, 154
Facebook
YouTube
Instagram